Ambiente

“Puliamo il Mondo”, ultimi giorni per i comuni della Valle del Volturno che vorranno aderire all’iniziativa nazionale di Legambiente.

Pubblicato: 20-05-2016 - 287
“Puliamo il Mondo”, ultimi giorni per i comuni della Valle del Volturno che vorranno aderire all’iniziativa nazionale di Legambiente. Ambiente

“Puliamo il Mondo”, ultimi giorni per i comuni della Valle del Volturno che vorranno aderire all’iniziativa nazionale di Legambiente.

Pubblicato: 20-05-2016 - 287


VALLE DEL VOLTURNO. Puliamo il mondo è (come rimarca la Presidente Rossella Muroni in una nota inviata ai Comuni) la piu' grande iniziativa di volontariato ambientale.
L'iniziativa organizzata in Italia da Legambiente vede la collaborazione di ANCI e il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del Mare oltre che la collaborazione di UPI (Unione Province Italiane).
Quest'anno l'evento si svolgera' il 23-24-25 Settembre, e come avviene da oltre venti anni la partecipazione di volontari di tutto il mondo che si danno appuntamento in oltre 120 paesi per scendere in piazza e dare un segnale concreto di voglia di fare e di identita' territoriale. Nel 2015 i partecipanti all'evento in Italia furono circa 600 mila e contribuirono insieme alle Amministrazioni Comunali a rendere migliore il territorio ripulendo e restituendo alla comunita' circa 4.000 aree.
L'edizione 2016 (si legge nella nota a firma della Presidente) puntera' i riflettori anche sulle barriere architettoniche ma anche fisiche e culturali, perche' Legambiente crede che la forte valenza educativa dell'iniziativa possa raggiungere i giovani e sensibilizzarli non solo alle tematiche ambientali, ma anche ai temi della solidarieta', dell'appartenenza e della convivenza.
Le schede di adesione all'evento dovranno pervenire entro il prossimo 15 Giugno, e si spera che anche le Amministrazioni Comunali del nostro territorio aderiscano all'iniziativa di fondamentale importanza , perche' un luogo ripulito appartiene all'intera comunita' ed e' sempre un piccolo passo verso il rinascere di quella coscienza ambientale che troppo spesso viene dimenticata a discapito delle future generazioni minacciate sempre piu' dall'avviluppante civilta' dei consumi. F.Red. 

 




Articoli Correlati