RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA GENNARO PETRECCA.

Personale di Elio Cavone, installazioni e arte pittorica Lo Spazio Cent8anta – Galleria d’ arte cultura e società, presenta la personale di Elio Cavone. La mostra è organizzata dallo Spazio Arte Petrecca e a cura dell’ avvocato Gennaro Petrecca.

Giorni e orari d’ apertura della mostra: dal 1 luglio al 15 luglio, dalle ore 17:00 alle ore 20:00. Dal martedì alla domenica. 
Spazio Cent8anta – Galleria d’ arte, cultura e società. Corso Marcelli 180, Isernia
Info e contatti: 331/9463240 – 338/1081096

 

L’ARTE È MATERIA

Nello sterminato panorama dell’ Arte contemporanea è molto frequente imbattersi in artisti giovani che, tuttavia, e molto di frequente in modo goffo, tendono a ripetere schemi figurativi o concettuali già visti, magari con una piccola personalizzazione, il che li rende dei manieristi di scarso interesse.

Elio Cavone, già a partire dal 1978 si è invece cimentato in una forma d’arte alternativa, sia nella pittura che nelle installazioni frutto entrambe di un evidente desiderio di sperimentazione, di trasmettere un messaggio concettuale più che figurativo, la cui interpretazione viene spostata sulla
capacità dell’osservatore di coglierne il senso profondo non fermandosi alla semplice immagine che
si proietta allo sguardo. Cavone, a mio giudizio, ha da sempre manifestato unapropensione all’ innovazione sia nello stile artistico che nell’utilizzo dei materiali utilizzati, risente dell’ influenza artistica dei suoi contemporanei più celebri .

La sua è una pittura tormentata, sofferta, materica, in cui l’abbinamento del colore e dei chiaroscuri caratterizzati dall’uso di bianco e nero, contribuiscono ad esaltare la presenza di frammento di oggetti che, nella loro apparente casualità di inserimento, costituiscono la chiave di lettura dell’opera.

Le installazioni, l’uso del ferro, della gomma, di materiali poveri sono mute testimonianze del passaggio di una civiltà industriale quasi fossilizzata nel tempo, tracce di un mondo già consegnato al passato, proiettato oltre la fase post industriale della quale rimangono tracce arrugginite, chiodi, bulloni, pneumatici il tutto in decomposizione, relegate nelle periferie delle odierne megalopoli che tutto assorbono e fagocitano.

Alcune delle installazioni di Cavone meritano un ragionamento a parte: mi riferisco a dei manichini che, come tutte le immagini a grandezza naturale,destano inquietudine ma trasmettono un senso di compenetrazione nella figura; uno specchio che ci trasmette emozioni, ansie, tensioni.
I manichini di Cavone sono uomini che vivono una dimensione atemporale e fuori dallo spazio ordinario, guardando oltre, manifestando un disagio e una disperazione ai limiti della follia.

Persone prigioniere dell’essere, della dimensione corporale dalla quale vorrebbero fuggire, inseguendo i pensieri tormentati che traspaiono dai loro volti e dalle loro pose provvisorie.
È stato un piacere scoprire che in Molise, già sul finire degli anni 70 operassero artisti che superassero le pregevoli gabbie figurative dei vari Scarano, Paglione, Trivisonno, Pettinicchi, Cammarano, artisti da cavalletto, intimisti, eccellenti pittori.

Ma l’ azzardo, la sfida, l’elemento di rottura è quel momento in cui l’Arte diventa spesso universale, assume nuove forme comunicative, da vita a nuove Scuole che parlano un linguaggio universale.

E nel Molise alcuni coraggiosi pionieri ci sono stati, una regione ancora molto sottovalutata sotto il profilo della produzione artistica ma che ha tutte le caratteristiche per poter dire la sua nel panorama nazionale.
Ed è questo l’obbiettivo al quale ciascuno di noi, nel proprio, piccolo deve contribuire.

Gennaro Petrecca