RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA FIDAL MOLISE.

 

TERMOLI. Di certo non sono solo il fascino del Borgo Antico o lo spumeggiare delle onde del mare che si infrangono sugli scogli ad attirare ogni anno a Termoli l’8 dicembre centinaia di podisti pronti a confrontarsi con i 10 chilometri previsti dal regolamento della manifestazione. Vento, freddo, pioggia non hanno mai scoraggiato né i molisani, né i tanti atleti che scelgono ogni anno di raggiungere Termoli per prendere parte alla “Corsa dell’Immacolata”. Sarà per il richiamo dei discendenti degli uomini trucidati da Piyale Paşa nel XVI° secolo, che urlano vendetta ed esortano a stringere i denti ed a lottare, o di contro saranno le voci degli eredi di quell’ammiraglio turco- che abbandonato in Serbia- fu adottato da una famiglia dalmata e pur tra mille limiti volle investire sui talenti reclutando tra i nemici e tra i saccheggiati i meritevoli, facendoli formare per poi consentire loro di occupare le massime cariche dello stato e dell’esercito. A voler propendere per l’una, l’altra o l’altra tesi ancora resta un dato oggettivo:l’inclusività fondata su merito e valore.

Ecco cosa caratterizza la A.S.D. Runners Termoli: abbattimento delle discriminazioni; spazio e cura per tutte le categorie dalle giovanili ai Master; attenzione agli approfondimenti finalizzati al labor limae tecnico e fermo intento di valorizzare e far conoscere al di là dei confini del Molise angoli suggestivi della nostra terra. Ed è questo lo spirito che anche nel 2016 ha animato Angela Costantiello, presidente della citata società e tutto il suo team nei mesi addietro quando tesserati e dirigenti con impegno e abnegazione si sono adoperati perché il bilancio della dodicesima edizione della ScopriTermoli sia positivo. Ed ora che il momento dello start si sta avvicinando c’è gran fermento in società; una volta perfezionati gli ultimi adempimenti verrà divulgato il programma dettagliato dell’evento e si procederà con l’apertura delle iscrizioni.