RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL CONSIGLIERE DI MINORANZA DEL COMUNE DI RIONERO SANNITICO CARLA MIRALDI (NOTA A FIRMA DELLA MINORANZA CONSILIARE).

RIONERO SANNITICO.  Il 25 aprile, durante la seduta consiliare, la maggioranza ha approvato il bilancio previsionale dell’ ente per il triennio 2017/2019. Ancora una volta in barba alla tanto acclamata democrazia partecipata. I consiglieri di minoranza presenti hanno fin da subito rilevato un vizio di forma sostanziale per cui le notifiche della convocazione al Consiglio non sarebbero state ricevute da alcuni loro colleghi chiedendo quindi la nullità della seduta stessa e proponendo la questione sospensiva così come previsto dal regolamento comunale, niente di fatto la maggioranza ha ritenuto di dover e poter proseguire.

A completamento di ciò si è ben pensato di  procedere anche  alla approvazione del bilancio di previsione. Nonostante  molteplici difformità  che hanno portato i consiglieri di minoranza a dover ritenere  illegittima  la delibera stessa configurandosi un eccesso di potere per difetto di istruttoria,travisamento dei fatti, per violazione del diritto all’informazione preventiva dei consiglieri comunali con lesione delle prerogative conoscitive funzionali all’ espletamento del mandato  così come ampiamente rilevato e verbalizzato in quella stessa sede. 

Comune di Rionero Sannitico (Is)
Comune di Rionero Sannitico (Is)

Gli atti  indispensabili e non assolutamente sottovalutabili  a corredo del bilancio, che avrebbero dovuto essere predisposti gia nelle 24 ore precedenti e  messi a  disposizione dei consiglieri  erano carenti o addirittura a tutt’oggi inesistenti così come peraltro rilevato dal revisore dei conti nel parere espresso. Ed ancora la relazione di quest’ultimo è stata consegnata ai consiglieri di minoranza solo alle ore 11:20 ovvero a seduta già instaurata.  Si ritiene quindi che nuovamente non si sia rispettato il ruolo della minoranza e non si sia data la possibilità di svolgere quella  indispensabile funzione di controllo sull’adeguatezza dell’azione politico amministrativa  che è prerogativa insita nella funzione del consigliere…..Vero è che, come detto dal Sindaco ,“la maggioranza ha i numeri” peraltro cosa questa alquanto scontata altrimenti di maggioranza non si tratterebbe ma questo non può far esimere dal tenere un comportamento ispirato ai principi di legalità ed efficienza.

Ricordando che i tanto sbandierati numeri   non appaiono poi così lontani da quelli dei gruppi di minoranza: 6 contro 5 !!!!