Traffico in tilt e code paurose al rientro dei turisti dall’Abruzzo a causa di una strada inadeguata. Domenica scorsa da Colli a Venafro tempi di percorrenza di circa 50minuti circa.

 

COLLI A VOLTURNO-MONTAQUILA. Accade così che una tranquilla domenica di relax e riposo sulla neve possa trasformarsi ìn un vero e proprio incubo per tutti quei vacanzieri e amanti dello sci che in questi giorni, complice il ponte lungo dell’Immacolata, si siano recati in Abruzzo e in località sciistiche rinomate come quella di Roccaraso ad esempio. Il passaggio è obbligatorio per chi viene da Napoli e anche da numerose città laziali sulla statale 158 Valle del Volturno e sui territori comunali di Montaquila e Colli a Volturno. Ed è proprio qui che ogni maledetta domenica da almeno venti anni accade l’irreparabile e il traffico, soprattutto la domenica sera, al rientro dei vacanzieri, impazzisce e va in tilt. Il tutto a discapito di possibili emergenze che si potrebbero verificare in zona, ad esempio anche il solo facile passaggio di un mezzo di soccorso , in questo modo viene rallentato e di molto. La nostra redazione in passato ha intercettato anche molti automobilisti su strada la domenica sera sulla 158. Alcuni di loro ci hanno confessato di essere rientrati a casa, ad esempio a Napoli, anche oltre dopo la mezzanotte, partendo nelle prime ore del pomeriggio. Roba veramente da pazzi.

A causare tutto ciò, oltre che la grande mole di traffico e di autovetture, l’inadeguatezza di un tracciato stradale che non viene modificato da anni e che tra Colli e Montaquila porta con se strascichi di incidenti paurosi negli anni. Curve a gomito  e strettoie la fanno da paura e anche il manto stradale, curato in questo ultimo periodo a dire la verità, andrebbe comunque rifatto con asfalto drenante, per ridurre al minimo il pericolo di uscite fuori strada ad esempio sul bagnato. Tutto questo comporta la massima prudenza degli automobilisti e i rallentamenti assurdi del traffico veicolare. Ogni maledetta domenica sulla statale 158 accade quello che vedete in foto.

La parte seconda di questo atto davvero fastidioso si è verificata lo scorse fine settimana e più precisamente nella serata di domenica 28 gennaio 2018.