Sarebbero circa 10mila euro che un giovane di Isernia avrebbe versato sulla carta prepagata dei malvimenti. Operazione illustrata in Procura dal dottor Carlo Fucci.