Su disposizione del Questore di Isernia Roberto Pellicone, nella mattinata di ieri, è stato effettuato un servizio straordinario di controllo della circolazione stradale nel centro di Isernia, mirato in particolare alla repressione di un fenomeno che è purtroppo molto diffuso: l’uso del telefonino alla guida.

Sul campo un dispositivo composto da due pattuglie della Sezione Polizia Stradale ed una dei Poliziotti di Quartiere dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, coordinato direttamente dal Dirigente della Polizia Stradale di Isernia, che nel corso della sola mattinata ha rilevato e contestato ben 12 infrazioni per uso del telefono alla guida. I contravventori sono risultati essere per lo più di sesso maschile e di età compresa tra i 25 e i 60 anni. 

L’uso del telefonino alla guida è stato definito come una vera e propria “arma di distrazione di massa”. Proprio la distrazione, da recenti studi condotti presso al Scuola Superiore di Polizia, risulta essere la causa di circa il 20/25% degli incidenti stradali.

L’attenzione sul fenomeno è pertanto massima da parte della Polizia di Stato, anche alla luce del recente incremento del numero degli incidenti stradali, che non consente di abbassare la guardia non solo sul fronte dei controlli, ma anche su quello della comunicazione. Far comprendere l’importanza di mantenere una condotta di guida sempre attenta e prudente è altrettanto importante che predisporre un’attività di controllo e di repressione. 

Per questo la Polizia di Isernia vuole rilanciare con forza lo slogan dell’ultima campagna di comunicazione che a livello nazionale ANAS e Polizia di Stato portano avanti da oltre un anno: “Quando guidi, guida e basta”.