Per il centro murattiano di Campobasso è auspicabile una sperimentazione sugli orari di apertura e chiusura delle attività commerciali. E’ quanto emerge dall’analisi del consiglio direttivo della F.I.P.E. (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) confederata a Confcommercio Molise. La proposta avanzata dal consiglio direttivo presieduto da Carlo Durante riguarda, in particolare, la possibilità di posticipare l’orario di apertura e di anticipare quello di chiusura dei negozi, garantendo l’orario continuato per quelle attività commerciali che intendono trarne benefici e impedendo, di fatto, rispetto alle nuove abitudini acquisite dalla clientela, la fuga verso i centri commerciali.

 

“Grazie alla tipologia delle nostre attività – afferma la consigliera Stefania Bevilacqua – ci viene confermata una sempre maggiore presenza di famiglie e visitatori, che si aggiunge a quella dei lavoratori pendolari che consumano un pasto veloce durate l’orario di pausa delle diverse attività del pubblico impiego, dei servizi e del commercio. Consumi che mostrano come sia mutata l’abitudine delle famiglie del capoluogo che, sempre più spesso, svolgono in orari una volta dedicati alla pausa casalinga, le più svariate attività, tra cui quelle dedicate agli acquisti.”

 

“Un centro vivo anche durante la pausa pranzo, soprattutto nei periodi festivi o di maggiore traffico – conclude Bevilacqua – permetterebbe una crescita generale dei consumi, altrettanto migliorerebbe la qualità della vita degli operatori del commercio che potrebbero condensare e intensificare le loro attività nelle ore di maggiore presenza di clientela.”