Si è conclusa di recente l’ennesima esperienza internazionale del “Tratturo”. Nei giorni scorsi, lo storico gruppo musicale molisano è rientrato dalla Polonia, dove si è esibito per ben sette volte.

Momenti centrali del tour sono stati i concerti tenuti al “Wielkopolskim Centrum Kultury” di Poznan e al “XX Międzynarodowe Spotkania Kolędników e Dudziarzy” di Polajewo, ai quali, oltre al Tratturo che ha rappresentato l’Italia, hanno partecipato band di Scozia, Bulgaria, Polonia e Slovacchia.

Per i musicisti molisani, l’esperienza polacca è stata anche l’occasione per un confronto con le tradizioni dei cornamusai balcanici e scozzesi. Un incontro fra culture che condividono analoghe tradizioni legate agli aerofoni a sacco (zampogna molisana, gaydi slovacco, bagpipe scozzese, gaida bulgara, dudy polacco). Non a caso, oltre al consenso di pubblico riscosso dal “Tratturo” nel suo insieme, c’è stato uno straordinario successo personale di Lino Miniscalco, abilissimo virtuoso della zampogna e della ciaramella, uno degli artisti più apprezzati dell’intero scenario della musica popolare italiana.