VENAFRO.“Nonostante il delicato momento politico, sul quale sono certo ci sarà tempo per le dovute considerazioni, è mia premura, in questo momento, informare la popolazione, che rappresenta l’unica cosa che realmente mi sta a cuore, delle importantissime novità emerse nelle ultime ore circa il futuro dell’ospedale Ss. Rosario di Venafro.

E’ scritta nero su bianco ed è ufficialmente parte del nuovo Programma Operativo la proposta progettuale per la riattivazione del presidio venafrano. Una notizia decisiva per il territorio, che vale più di mille parole e che aggiunge ancora maggiore concretezza agli sforzi compiuti negli ultimi due anni al fine di restituire al SS. Rosario la dignità che merita.

E’ finalmente pronto, dunque, il progetto che disegna la riattivazione dell’ospedale di Venafro e che ha incassato il sostegno del commissario ad acta per la Sanità molisana, Angelo Giustini, il quale ha confermato il suo inserimento all’interno del Piano Operativo 2019-2021. Si tratta di un progetto chiaro, che si snoda attraverso un percorso graduale che riporterà il SS. Rosario ad avere un ruolo attivo nell’ambito dell’intera rete ospedaliera regionale. Nel dettaglio, secondo quanto elaborato dalla nostra Direzione Generale per la Salute, la struttura ospedaliera di Venafro tornerà ad essere sede di Pronto Soccorso, ad avere reparti di Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia e Traumatologia, Anestesia, nonché servizi di Radiologia, Laboratorio ed Emoteca, per un totale di 70 posti letto ordinari e 16 diurni.

Il progetto di riattivazione del Ss. Rosario prevede un collegamento funzionale con l’ospedale Veneziale di Isernia, dunque l’inserimento nel sistema della complessiva rete ospedaliera regionale, della rete dell’emergenza-urgenza e di quella per patologie tempo dipendenti. Il documento, che di fatto contiene gli elementi per una concreta e duratura rinascita del presidio ospedaliero venafrano, consentirà di dare seguito all’intero progetto inerente l’accordo di mobilità sanitaria tra le Regioni Molise e Campania.  Soluzione da tempo auspicata per garantire un futuro concreto al SS. Rosario. Ecco perché risulta tanto importante il nuovo tassello aggiunto al percorso intrapreso al fine di riportare il presidio ospedaliero ad essere punto di riferimento sanitario per migliaia di cittadini delle province di Isernia e Caserta, la cui volontà è stata chiaramente espressa per mezzo di oltre 40 amministrazioni comunali.

L’ultimo passo sarà ottenere il parere favorevole del Tavolo tecnico romano in modo da dare vita alla fase operativa tra le due Regioni coinvolte. Concludo ringraziando ancora una volta tutti coloro che, con enorme impegno, hanno lavorato e continuano a lavorare al raggiungimento dell’obiettivo. Ho ritenuto fosse mio dovere illustrare i dettagli e gli aggiornamenti del complesso iter intrapreso circa due anni fa per la riattivazione dell’ospedale di Venafro. Una causa alla quale mi sono dedicato con impegno nel solo interesse del territorio e dei suoi cittadini, come in ogni mia battaglia”.

Così Antonio Tedeschi traccia una sorta di bilancio, con le ultime novità emerse sull’argomento, del lavoro condotto dai banchi del Consiglio regionale del Molise.

Leggi e scarica il piano dettagliato di riattivazione dell’Ospedale Santissimo Rosario di Venafro.

Progetto di riattivazione osp Venafro – PO_19-21 (1)