Il Sindaco di Filignano stia tranquillo, non rischierà il dissesto, i conti sono a posto e i debiti residui hanno una copertura finanziaria certa. Se vuole amministrare il paese ha le risorse necessarie per farlo, ma eviti il penoso ritornello dello  “ stiamo apparando i debiti lasciati dalla precedente Amministrazione “.

Questa la risposta immediata alle esternazioni del Sindaco Cocozza da parte della minoranza consiliare che, in occasione della approvazione del Bilancio Preventivo 2020, in 11 punti dettagliati, aveva bocciato senza appello l’operato della nuova Amministrazione eletta nel maggio 2019.

  “ E’ falso sostenere che abbiamo lasciato debiti fuori bilancio senza copertura ( alcuni giunti a maturazione a fine mandato o lasciati dal Commissario liquidatore e non frutto della nostra azione ) , il Sindaco sa bene che li ha potuti saldare con gli avanzi di amministrazione 2018/2019 ( rispettivamente di 34055 € e 82302 € ) e con le economie 2020 o residui gestione commissariale.”

D’altronde lo stesso Revisore contabile ne ha accertato la copertura e lo stesso Sindaco nella Relazione di inizio mandato affermava “ Non ricorrono le condizioni per procedure di riequilibrio “ in quanto erano presenti avanzi di amministrazione e non debiti insanabili.

Vogliamo ricordare al Sindaco Cocozza che nel 2014 ereditammo un Bilancio con una perdita di 266906 € , non gridammo allo scandalo ma continuammo a governare il paese con risultati finanziari positivi ( due bilanci in attivo ).

Sui presunti tagli dal Governo vale la pena di ricordare che il Fondo di Solidarietà Comunale FSC questo anno è stato portato a 180030 € , a fronte dei 150000 € del quinquennio precedente. Inoltre per spese di investimento lo Stato ha erogato per spese di investimento ( scuole, strade, patrimonio comunale, efficienza energetica ) , a partire solo dal 2019, una somma di  90000 € per il 2019 e di 30000 € nel 2020.

A questo si aggiungano 1911 € della Regione per Centri estivi ( non spesi ) , 13339 € sempre della Regione per Servizi minimi essenziali ( non spesi ).

Da ultimo un altro consistente risparmio tra mutui CCDDPP e Credito Sportivo e Rimborsi allo Stato che ammontano nel 2020 ad oltre 108000 €.

Per questo abbiamo chiesto che nel Bilancio 2020 , dopo 10 anni di Dissesto Finanziario, si procedesse alla riduzione delle tasse ai cittadini, ma gli aumenti di spesa praticati dalla attuale amministrazione ed il saldo di alcune residue partite debitorie hanno indotto l’Amministrazione Cocozza a rigettare la richiesta.

Per queste ragioni e per le altre esplicitate in Consiglio l’attuale Amministrazione viene bocciata dalla minoranza consiliare con l’invito a dimostrare con i fatti e non con le scuse la propria capacità amministrativa.

 

Filignano 13/10/2020                                                                              il gruppo di minoranza

                                                                                                                    Lorenzo  COIA  Pier Luigi PACITTI