Aumento casi Covid-19, Calenda “Servono misure urgenti per tutelare le persone con disabilità”

Stiamo assistendo quotidianamente ad un continuo e costante aumento di casi da Covid-19. Con la fine delll’estate, la riapertura delle attività, delle scuole e il ritorno al lavoro, la curva epidemiologica ha subito come prevedibile, una forte impennata, facendo registrare nuovamente numeri preoccupanti.

Il dato che ulteriormente preoccupa è la situazione nelle famiglie, nelle quali vivono persone con disabilità. Con l’avvio di questa seconda fase di diffusione servono più che mai misure urgenti per salvaguardare la salute di tutta la popolazione, ma in particolare per le fasce deboli e in particolare per coloro che sono portatori di disabilità.

Le famiglie in genere sono già sufficientemente sotto pressione con l’inizio dell’anno scolastico, il ritorno al lavoro e l’imminente stagione influenzale, ma la situazione – spiega la consigliera Filomena Calenda – diventa più drammatica in quei nuclei dove vivono persone con disabilità grave o gravissima.

Sarebbe, dunque, auspicabile – continua la Calenda – che il governo adotti strumenti in grado di consentire alle famiglie con un componente disabile e a quanti vivono una condizione di disabilità, il cui stato di salute è particolarmente vulnerabile, di poter utilizzare misure di “accomodamento ragionevole” a scuola come al lavoro.

Nessuno deve rimanere indietro e nessuno deve subire discriminazioni per la propria condizione sociale e di salute.

Sono certa – chiosa la consigliera Calenda – che la sensibilità dei nostri governanti faccia tesoro delle sollecitazioni che stanno arrivando da più parti e che mettano in atto tutte le azioni utili per garantire a tutti lo stesso accesso all’istruzione e al lavoro”.