Politica

Stagione balneare al via in Molise, pubblicato il calendario. La nota del sottosegretario Roberto Di Baggio.

Pubblicato: 28-04-2023 - 587
Stagione balneare al via in Molise, pubblicato il calendario. La nota del sottosegretario Roberto Di Baggio. Politica

Stagione balneare al via in Molise, pubblicato il calendario. La nota del sottosegretario Roberto Di Baggio.

Pubblicato: 28-04-2023 - 587


La nota del sottosegretario Roberto Di Baggio

Stagione balneare al via in Molise, pubblicato il calendario. La nota del sottosegretario Roberto Di Baggio. 



Al via in Molise la stagione balneare 2023. Il calendario lo ha stabilito la giunta regionale con la delibera 101 del 5 aprile scorso: l’inizio è fissato il 1° maggio e il termine il prossimo 30 settembre.C on lo stesso provvedimento l’esecutivo ha preso anche atto del cronoprogramma di campionamento delle acque e della classificazione delle stesse elaborati dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente.I rilevamenti dell’Arpa nei punti di monitoraggio presenti sul litorale vengono effettuati con cadenza mensile. Sulla base del monitoraggio condotto dai tecnici dell’Agenzia, spiega il sottosegretario alla presidenza della giunta regionale Roberto Di Baggio, sono state puntualmente individuate le acque interdette alla balneazione e, successivamente, sono state fornite indicazioni ai 



Comuni interessati sulle azioni da mettere in campo in alcune fasce specifiche del loro territorio.In particolare, a Montenero di Bisaccia è vietata la balneazione nelle seguenti zone di mare: entro i 50 metri dall’imboccatura del porto turistico e dalle opere foranee; nel raggio di 50 metri dalla foce del fiume Trigno.A Petacciato: nel raggio di 20 metri dalla foce del torrente Tecchio; nel tratto di litorale antistante la spiaggia libera, per una lunghezza di 1.500 metri ed una profondità di 10 metri dalla linea di battigia, a causa della presenza di sedimenti argillosi nel fondale. A Termoli: nel raggio di 20 metri dalla foce del torrente Sinarca; entro i 100 metri dall’imboccatura e dalle opere foranee del porto; nel raggio di 20 metri dalla foce del torrente Rio Vivo; nel raggio di 20 metri dalla foce del torrente Sei Voci; nel raggio di 250 metri dalla foce del fiume Biferno.Infine, a Campomarino: nel raggio di 250 metri dalla foce del fiume Biferno; 50 metri a nord e 50 metri a sud delle opere foranee del porto; nel raggio di 50 metri dalla foce del fiume Saccione.Particolare attenzione viene riservata alla località Rio Vivo di Termoli, dove l’Arpa eseguirà un monitoraggio quindicinale. 



A tutte le amministrazioni locali interessate la Regione ha demandato, in via generale, l’attivazione di ogni iniziativa utile a impegnare i gestori dei servizi idrici nell’attuazione dei controlli sulla funzionalità degli impianti di depurazione e su possibili punti di immissione in mare di acque contaminate in modo che si possa segnalare tempestivamente e gestire ogni eventuale situazione di emergenza ed evitare di esporre i bagnanti alle conseguenze.«Le indicazioni dettate nella delibera sulla scorta delle verifiche realizzate dall’Arpa – conclude Di Baggio – sono improntate alla massima precauzione sanitaria e ambientale. L’obiettivo dell’amministrazione regionale è garantire, infatti, la piena e sicura fruibilità delle nostre acque di balneazione a tutela dei cittadini e dell’ecosistema della costa con evidenti riflessi positivi sull’offerta turistica».



Il Sottosegretario alla Presidenza



 





Articoli Correlati


cookie