Il giovane di Isernia raggiunge la compagna a vita eterna dopo alcuni mesi dal suo tragico addio.

ISERNIA. Un destino crudele che li ha uniti fino alla morte. E’ quello che ha travolto Maurizio Benvieni, giovane di Isernia, e la fidanzata, Marta Longhin. Sono morti entrambi per un incidente stradale a distanza di soli sei mesi.

Lei a soli 25 anni era venuta a mancare ad aprile. Lui sei mesi dopo, a 31 anni, lungo la Riviera Berica, all’altezza del ponte di Debba, al confine tra i territori di Vicenza e Longare, dove si era trasferito da qualche tempo e dove aveva conosciuto la fidanzata. La Ford Focus condotta dal 31enne è andata a scontrarsi frontalmente con una Fiat Punto a bordo della quale viaggiava una coppia di fidanzati di 26 anni residenti a Longare. Benvieni è deceduto sul colpo. Nello scontro è morto anche il passeggero della Focus, Luigi Naldo, 27 anni, collega ed amico di Maurizio. Gravemente feriti anche i due occupanti dell’utilitaria.

«Tutti abbiamo un angelo, io ho te. Nessuno ti cancellerà mai dalla mia vita, ciò che son diventato è solo grazie a te». Questo è il messaggio che il 31enne, appena due ore prima dell’incidente, aveva consegnato alla pagina Facebook di Marta, una pagina che ha continuato ad ospitare i messaggi di Maurizio nonostante la sua fidanzata fosse deceduta sei mesi prima in un altro incidente stradale.