Firmato stamattina il documento “SOS SORDI”. Con un app i non udenti potranno richiedere l’intervento immediato della Polizia sul posto.

ISERNIA. La Polizia di Stato di Isernia da sempre impegnata in campagne di sensibilizzazione volte alla difesa ed a favore delle fasce più deboli, presenta il protocollo d’Intesa” SOS Sordi”, fortemente voluto dal Sig. Questore Dott. Ruggiero BORZACCHIELLO. Il protocollo, stipulato con il Presidente pro tempore della sezione ENS di Isernia, Enzo ROSA, nato dal progetto ideato dall’ENS(Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi) in sinergia con la Direzione Affari Generali del Ministero dell’Interno, mira ad abbattere le barriere della comunicazione per consentire alle persone sorde di gestire la propria vita in piena autonomia, nel pieno rispetto della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.

Tale progetto ha portato alla creazione di un’app che consente alle persone sorde di richiedere l’intervento della polizia, dei carabinieri, del soccorso stradale, dei vigili del fuoco o di un’ambulanza, generando una mail che viene ricevuta e presa in carico dalle centrali operative delle forze dell’ordine al fine di rispondere tempestivamente alle richieste di aiuto. Oltre ai dati della persona che richiede aiuto l’app invia la sua localizzazione e consente di aggiungere ulteriori informazioni, quali il nominativo di un interprete di lingua dei segni, di un familiare e altro.

I dettagli delle funzionalità dell’applicativo sono state illustrate in una conferenza stampa tenutasi presso la Questura di Isernia nella mattinata odierna.

L’app è disponibile sia per sistemi IOS 

https://itunes.apple.com/it/app/sos-sordi/id787252590?mt=8

che per sistemi Android
https://play.google.com/store/apps/details?id=com.sossordi.app&hl=it