ISERNIA. Nel tardo pomeriggio di ieri una coppia di anziani coniugi settantenni provenienti da Rionero Sannitico si è presentata al Pronto Soccorso del Veneziale di Isernia manifestando i consueti segni di un’intossicazione da botulino. Le persone che ingeriscono la tossina sperimentano i sintomi di una sorta di paralisi neurale con conseguente annebbiamento e sdoppiamento della vista, debolezza muscolare della parte superiore del corpo.

Una patologia davvero micidiale che se non curata in tempo può avere conseguenze mortali. Immediatamente i sanitari del Pronto Soccorso sono riusciti ad individuare la patologia. I due coniugi sono entrambi stati ricoverati in rianimazione, con il marito che attualmente si troverebbe in condizioni peggiori rispetto alla moglie. Le prossime ore per verificare le loro condizioni di salute. Si tratta del secondo caso di avvelenamento di questo genere in Molise in pochi giorni.