“Bisogna garantire ai cittadini una vita tranquilla”.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA STEFANO TESTA – CONSIGLIERE COMUNALE LEGA ISERNIA.

La promulgazione odierna, da parte del Presidente della Repubblica, della “legge sicurezza e immigrazione” cavallo di battaglia della Lega e del ministro Salvini non può che essere valutata positivamente da Isernia e da tutti i molisani che negli ultimi anni, a causa delle politiche scellerate dei governi passati avevano visto sfumare anche una di quelle ultime e poche peculiarità per cui valga la pena restare in Molise, ovvero la garanzia di una vita non solo salubre ma anche serena e tranquilla.

In particolare la provincia Pentra, rinomata non più di una decina di anni orsono per essere l’ultima provincia d’Italia in termini di crimini commessi, ha scalato ultimamente le posizioni di questa poco invidiabile classifica mentre di pari passo scendeva negli ultimi posti di tutte le classifiche riguardanti la qualità della vita e il reddito pro-capite. 

Senza voler enfatizzare, ma ragionando con razionalità, possiamo affermare che si segna oggi finalmente un passo significativo per la sicurezza dei cittadini e Salvini con le sue politiche operative ne è l’interprete principale.

L’intera collettività ed in particolare quella isernina non può che essere soddisfatta di un ministro che attuando quello che ha promesso  si è speso in prima persona:

  • contro la criminalità organizzata,
  • per l’abbattimento e demolizione di interi complessi immobiliari che oltre ad essere abusivi restavano in piedi a rappresentare l’arroganza e il potere della violenza e della sopraffazione della criminalità,
  • per l’avvio di processi definitivi per la soluzione delle problematiche legate alla gestione del business immigrazione.

Queste brevi considerazioni non vogliono essere l’esaltazione di una parte politica perché chi mi conosce sa bene che sono un sostenitore della cosiddetta “politica del fare” quale unica possibilità per affrontare i problemi dei cittadini in quanto rappresenta l’unica possibilità per coinvolgere tutte le forze politiche su obiettivi che non possono essere più rinviati.

Ricordo a me stesso inoltre che Isernia e gran parte dei suoi cittadini vivono un momento storico che sicuramente rappresenta il momento di maggiore difficoltà dal dopoguerra ad oggi e nonostante ciò qualcuno continua prodigarsi affinché nella nostra già martoriata realtà continui ad aumentare il già eccessivo numero di immigrati che non avendo qui prospettive di inserimento di alcun tipo non possono che ingrossare le fila della manovalanza a basso costo a disposizione delle attività poco lecite e non possono che aumentare la percezione del disagio sociale.

Infine dobbiamo tutti prendere atto che Salvini, nella sua qualità di Capo del Viminale,  ha disposto il trasferimento a Crotone dell’attuale Prefetto ed augurarci che il nuovo rappresentante del Governo intervenga con coraggio sulla abnorme presenza di immigrati nella nostra realtà.

STEFANO TESTA – CONSIGLIERE COMUNALE