RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA  FILT CGIL               FIT CISL            UILTRASPORTI          FAISA CISAL      UGL AUTOFERRO

(Franco Rolandi) (Antonio Vitagliano) (Carmine Mastropaolo) (Pasquale Giglio) (Nicolino Libertone)

ANCORA UN NATALE AMARO PER I DIPENDENTI ATM SENZA RETRIBUZIONE

La Società disattende gli impegni assunti in Prefettura e sbeffeggia i lavoratori consegnando buoni spesa da consumare al supermercato

Si preannuncia un Natale amaro per i dipendenti della società di trasporto ATM, ovvero la società che gestisce il servizio di trasporto extraurbano per conto della Regione Molise, alle prese ormai da tempo con un’impresa che disattende i propri obblighi contrattuali (in primis quello retributivo) nei confronti del personale dipendente.

Eppure soltanto due mesi fa e più precisamente lo scorso 23 ottobre, presso la Prefettura di Campobasso, venne convocata un’apposita riunione cui presero parte, oltre alle Organizzazione Sindacali, la stessa Società Atm rappresentata dal Responsabile Giuseppe Larivera e la Regione Molise, presente al tavolo con l’assessore ai trasporti Vincenzo Niro e il Dirigente regionale del settore Vincenzo Rossi.

QUEGLI IMPEGNI IN PREFETTURA DISATTESI IN PRESENZA DELLA REGIONE – In quella sede e di fronte alla Dott.ssa Maria Guia Federico, Prefetto di Campobasso, furono evidenziate dalla stessa Regione Molise, le responsabilità aziendali per il grave inadempimento contrattuale legato al mancato pagamento delle retribuzioni alle maestranze (dalle quattro alle sette mensilità arretrate per stessa ammissione aziendale) al punto da indurre l’Ente Committente regionale ad avviare la procedura di risoluzione contrattuale.

Al fine tuttavia di evitare una soluzione comunque traumatica, le OO.SS. responsabilmente e, su preciso invito della Prefettura, sottoscrissero nella stessa giornata un accordo con l’azienda Atm, finalizzato al riallineamento di tutte le pendenze retributive nei confronti dei dipendenti, il cui iter si sarebbe dovuto concludere con il pagamento integrale delle retribuzioni pregresse, entro il 30 novembre 2018.

NATALE SENZA STIPENDIO E TREDICESIMA – Siamo al 20 dicembre e purtroppo ci troviamo costretti a constatare l’ennesima violazione degli impegni assunti, peraltro davanti al Prefetto, dalla società Atm e dal Responsabile Giuseppe Larivera. Molti dipendenti attendono ancora il pagamento di numerose mensilità arretrate e soltanto i più fortunati (si fa per dire) sono in attesa a tutt’oggi della “sola” retribuzione di novembre e della tredicesima mensilità.

QUEL BUONO SPESA OMAGGIO CHE SA TANTO DI BEFFA – In questo contesto nel quale purtroppo i lavoratori, si trovano nell’assurda posizione di essere dei veri e propri ostaggi di una controversia di carattere amministrativo/contabile sorta tra la società ATM e l’Ente Regione Molise, c’è davvero da imbestialirsi rispetto alla provocazione aziendale alla quale stiamo assistendo da qualche giorno.

La società infatti con una nota di auguri, indirizzata a ciascun dipendente e controfirmata dallo stessa Giuseppe Larivera, ha “omaggiato” i lavoratori Atm con un buono spesa di 100 euro da consumare presso un noto supermercato di Termoli. 

Premesso che i lavoratori prima ancora dei buoni spesa omaggio, gradirebbero prioritariamente essere regolarmente retribuiti così come prevedono le norme contrattuali, al pari dei lavoratori del trasporto pubblico locale di altre realtà aziendali e soprattutto di altre regioni.

Detto questo e constatato peraltro che molti lavoratori Atm risiedono in località diverse quali ad esempio Campobasso o Isernia, sarebbe tuttavia curioso comprendere l’origine e la particolare scelta di questo unico supermercato ubicato a Termoli per consumare i buoni spesa omaggio. Lasciamo agli organi di stampa e all’opinione pubblica una riflessione e un approfondimento in tal senso.

PREFETTURA E REGIONE PRENDANO ATTO DI UN ATTEGGIAMENTO INACCETTABILE – Quello che tuttavia ci preme sottolineare, buoni omaggio a parte, è che le Segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Ciasl e Ugl autoferrotranvieri, non intendono assolutamente recedere rispetto a questa annosa vertenza e presenteranno oggi stesso una nuova istanza alla Prefettura di Campobasso affinché venga convocata una nuova riunione alla presenza della Regione e dell’Assessore ai trasporti Vincenzo Niro e si prenda atto di un atteggiamento aziendale inaccettabile, arrogante ed irrispettoso delle stesse Istituzioni.

 

Campobasso, 21 dicembre 2018

 

FILT CGIL               FIT CISL            UILTRASPORTI          FAISA CISAL      UGL AUTOFERRO

(Franco Rolandi) (Antonio Vitagliano) (Carmine Mastropaolo) (Pasquale Giglio) (Nicolino Libertone)