E’ un coetaneo della vittima l’autore dell’investimento dello studente di 16 anni, avvenuto ad Isernia il 1° aprile scorso all’interno del Terminal Bus di Corso Garibaldi, che è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Campobasso.

Gli agenti della Squadra Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, immediatamente intervenuti, assicuratisi che la vittima fosse stata soccorsa, avevano raccolto elementi preziosi per identificare il giovane che, alla guida di uno scooter, aveva investito il 16enne dandosi alla fuga.

L’incidente si verificò all’orario di uscita dalle scuole, quando l’area del Terminal Bus pullula di ragazzi che prendono gli autobus di linea per rientrare a casa.

In seguito all’incidente l’investitore si allontanò dal luogo dell’incidente senza preoccuparsi di soccorrere la vittima, che riportò una profonda ferita alla gamba per la quale si rese necessario un intervento chirurgico con 30 giorni di prognosi.

La Polizia è giunto all’identificazione del responsabile al termine di un’intensa attività di indagine, condotta in piena sinergia dal personale della Sezione Polizia Stradale e dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante la quale sono stati escussi numerosi testimoni, quasi tutti minorenni, e si è fatto ricorso ad attività tecniche normalmente destinate ad altre attività d’indagine, come l’esame dei tabulati telefonici.

Determinante è stata la collaborazione prestata da diversi testimoni minorenni, che dimostrando un grande senso civico hanno con le loro dichiarazioni consentito di orientare le indagini ed addivenire all’identificazione del responsabile.