ROMA. Si è conclusa da poco la conferenza del premier Conte che ha annunciato l’avvio della fase due per l’Italia a partire dal prossimo 4 maggio.

“Se ami l’Italia mantieni le distanze”. Questo il monito del premier Conte. Una sfida molto complessa ma l’Italia deve riprendersi e la sfida della convivenza con il virus verrà vinta.

Per Conte dipenderà tutto da noi per gettare le basi e la ripartenza del Paese con il Governo che farà la sua parte. “Cambieremo tutte le cose che nn vanno in Italia”.

Durante il periodo di convivenza con il virus i prezzi delle mascherine saranno contenuti senza speculazioni e verrà eliminata l’iva su questi dispositivi protettivi. Con l’Europa attivato il recovery round che servirà a ripartire nel segno della solidarietà. Il Governo fino ad ora ha fatto uno sforzo incredibile e continuerà a farlo.

L’Italia deve ripartire dalle sue imprese, taglio al costo delle bollette, contributi per gli affitti e moto altro ancora. Il nostro sarà un decreto sblocca Paese e il nuovo che sta arrivando sarà esemplare per tutti e potremo essere ammirati da tutta Europa.

Il nuovo DPCM: misure in vigore dal 4 maggio. Dal 4 maggio al 18 spostamenti all’interno della regione, sempre per i soliti motivi urgenti più per le visite per rivedere familiari e congiunti. Da una regione o altra ci si potrà spostare solo per lavoro e misure di salute. I divieti di assembramenti rimarranno, ma resteranno aperti parchi, giardini e zone verdi ma in maniera a e modo contingentato.

Attività sportiva e motoria:

– ci si potrà allontanare dalle proprie abitazioni rispettando due metri per gli atleti e un metro uno dall’altro per i non professionisti. Dal 4 maggio consentite le sessioni di allenamento degli atleti per discipline sportive individuali.

-Cerimonie funebri: consentite con congiunti con al massimo 15 persone con tutti i dispositivi di sicurezza. Si valutano eventuali altre aperture di cerimonie religiose.

– Bar e ristoranti possono fare consegne a domicilio, ma potranno anche fare asporto con il rispetto delle regole con la possibilità di consumare il cibo a casa o in ufficio

-Attivita produttive: manifattura, attività di costruzioni e riapertura di tutto il commercio al dettaglio che servirà alle attività di costruzione.

-Flusso dei lavoratori che si sposteranno con n protocollo di lavoro per le aziende di trasporto pubblico.

-Tutela dei lavoratori sui cantieri. Ci si avvia ad allenatore il lockdown per il 4 maggio. Il Governo riceverà dalla Regioni informazioni ogni giorno per indicare situazioni sentinella per mantenere sotto controllo la curva del contagio.

Per Conte esiste un indirizzo chiaro del Governo. Il 18 maggio in programma riapertura di altre attività commerciali (commercio al dettaglio). Gli allenamenti a squadre verranno riaperti il 18 maggio.

Il primo giugno riapriranno attività di ristorazione, acconciatori, attività estetiche e bar. Naturalmente nei prossimi giorni verranno programmate tutte le attività anche quelle riguardanti la stagione balneare.