Cronaca

Micra, il Pace Maker più piccolo al mondo impiantato per la prima volta a Isernia

Pubblicato: 14-12-2021 - 2876
Micra, il Pace Maker più piccolo al mondo impiantato per la prima volta a Isernia Cronaca

Micra, il Pace Maker più piccolo al mondo impiantato per la prima volta a Isernia

Pubblicato: 14-12-2021 - 2876


(Nelle foto il Micra, il primario Olivieri e il cardiologo Castaldi) 

Il pacemaker più piccolo al mondo arriva anche in Molise. Nei giorni scorsi è stato impiantato, per la prima volta nella nostra regione, presso la U.O. di Cardiologia dell'ospedale "F. Veneziale" di Isernia, il Pace Maker Micra. il dispositivo (prodotto dalla statunitense Medtronic) è una cardiocapsula poco più grande di una pillola, un decimo della grandezza di un pacemaker convenzionale, pesa 2 grammi, misura poco più di 2 centimetri e ha una durata che può arrivare fino a 14 anni. Per le sue caratteristiche peculiari, questo particolare pacemaker viene posizionato

direttamente all'interno della cavità cardiaca e ancorato nella regione settale o apicale del ventricolo destro. A differenza delle tradizionali procedure di applicazione di un pacemaker, quella del Micra TPS (Transcatheter Pacing System) in virtù delle dimensioni estremamente ridotte ed alla tipologia di ancoraggio, non necessita di alcun filo o elettro-catetere di connessione ed inoltre non richiede incisioni nel torace né la creazione di una tasca in sede sottocutanea, eliminando così il rischio di potenziali complicanze, soprattutto quelle infettive.

L'intervento è stato eseguito, con tecnica mini-invasiva dal cardiologo Bruno Castaldi. Sempre presso la U.O. di Cardiologia, diretta dal cardiologo Carlo Olivieri, sono iniziati anche gli impianti di una nuova generazione di defibrillatori intracavitari per i quali è possibile controllo e monitoraggio a distanza tramite comuni smartphone (con App dedicata): la Cardiologia del "Veneziale" è il secondo centro in Italia ad utilizzare tale tecnologia.

Nonostante le difficoltà congiunturali e la cronica carenza di personale, rimane costante l'impegno di tutti i sanitari per continuare ad offrire una sanità di livello e un'assistenza sempre all'avanguardia per i pazienti cardiopatici della nostra regione.




Articoli Correlati