Politica

Sostituzione del dottor Vigliardi. Di Baggio: “Problema da risolvere immediatamente”.

Pubblicato: 02-03-2023 - 659
Sostituzione del dottor Vigliardi. Di Baggio: “Problema da risolvere immediatamente”. Politica

Sostituzione del dottor Vigliardi. Di Baggio: “Problema da risolvere immediatamente”.

Pubblicato: 02-03-2023 - 659


La nota del sottosegretario regionale Roberto DI Baggio

Fa specie che l’ex Direttore Asrem abbia assunto questa decisione l’ultimo giorno di permamenza a capo dell’Azienda sanitaria molisana.



«Sto seguendo con attenzione il caso del dottor Giovanni Vigliardi, primario facente funzioni del reparto di Chirurgia del Veneziale di Isernia, sostituito con un professore universitario. Certo, fa specie che l’ex direttore generale dell’Asrem abbia assunto questa decisione l’ultimo giorno di permanenza a capo dell’Azienda sanitaria. Credo, tuttavia, che il caso del dottor Vigliardi – che deve essere senza dubbio risolto – non è l’unico problema dell’ospedale di Isernia e più in generale della sanità molisana». Così il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Roberto Di Baggio sulla polemica che si è innescata dopo la sostituzione del primario di Chirurgia del Veneziale.



«Sicuramente una migliore organizzazione consentirebbe alle strutture sanitarie della regione di erogare servizi maggiormente attinenti alle richieste degli utenti, ma la qualità, come tutte le cose, ha un costo. È ora che il Governo – prosegue il sottosegretario – metta il Molise alla pari delle altre regioni del Paese e che nei criteri di ripartizione delle risorse includa le difficoltà oggettive di un territorio piccolo come il nostro. Al di là della connotazione politica, Regione, Province, Comuni e ogni amministratore pubblico devono rivolgere tutti gli sforzi possibili all’ottenimento da parte delle istituzioni centrali di quelle attenzioni che da troppo tempo mancano alla sanità molisana. Assumiamo le iniziative necessarie affinché il dottor Vigliardi, professionista gentile, garbato e, soprattutto, competente, torni quanto prima alla guida del suo reparto. Ma facciamo in modo che la voce del Molise arrivi forte sui tavoli romani. Anche con azioni impopolari, se necessario. Le maniere forti non mi appartengono, amo la moderazione, il dialogo, il confronto. Mi rendo tuttavia conto che c’è un limite oltre il quale – in un ambito come la sanità – è pericoloso andare.



Seguendo le indicazioni del tavolo tecnico, il limite lo abbiamo superato. Chiederò oggi stesso alla delegazione parlamentare molisana di avviare un confronto con i ministeri della Salute e del Mef: ogni molisano ha il diritto di sapere quali sono le intenzioni del Governo in tema di sanità (e non solo). Da circa 15 anni sopportiamo e supportiamo il peso del commissariamento: uno strumento straordinario non può durare tre lustri, costringere gli utenti a sacrifici insopportabili e non portare un solo risultato (né pratico, né economico). Serve una svolta e serve in tempi brevi. La salute è un diritto sacrosanto e inviolabile che non può essere ridotto a tema di campagna elettorale almeno fin quando – conclude Di Baggio – né Giunta, né Consiglio regionale hanno competenze in materia».





Articoli Correlati