Economia

Stagione umida e piovosa i trattamenti agronomici sull’olivo di tarda primavera .

Pubblicato: 15-06-2023 - 509
Stagione umida e piovosa i trattamenti agronomici sull’olivo di tarda primavera . Economia

Stagione umida e piovosa i trattamenti agronomici sull’olivo di tarda primavera .

Pubblicato: 15-06-2023 - 509


Segui i Consigli di "Verde Idea" ad Isernia

Questa primavera sarà ricordata come una delle stagioni più anomale degli ultimi tempi per le temperature molto sotto la media e soprattutto per il grande quantitativo di pioggia venuta giù. Da un punto di vista prettamente idrico ci si augura che il pericolo siccità almeno per quest’anno sia scampato ma che dire dal punto agronomico dei nostri ulivi ? Purtroppo qui i rischi sono concreti sotto vari aspetti, cerchiamo di affrontarli uno alla volta.



In primis le piogge copiose hanno fatto crescere in maniera abnorme le erbe infestanti che sotto le piante hanno creato uno stato permeante di umidità creando un ambiente ideale per un’abbondante cascola dei fiori, mettendo a repentaglio tutta la produzione medio bassa della pianta. Qui i rimedi sono molto semplici, tagliare il prima possibile l’erba rimuovendo gli stralci da sotto la pianta. L’umidità si sa è una delle condizioni ideali per far proliferare la mosca dell’ulivo (Bactrocera oleae) nota per la sua famosa puntura che permette la deposizione delle uova. Facendo inacidire l’ulivo e rendendo l’olio di bassa qualità. I rimedi in questo caso da suggerire sono di natura biologica. Si parte con un monitoraggio con trappole al feromone che attrae inevitabilmente la mosca. Dal monitoraggio delle catture si decide il tipo di trattamento e soprattutto gli intervalli. I prodotti biologici consigliati sono due il caolino e la zeolite con l’aggiunta di rame non bio,  miscelati entrambi e irrorati sulla chioma rendono le olive non visibili alla mosca e dall’odore sgradevole. Inoltre questi due elementi biologici rendono la buccia più dura e quindi più resistente alla puntura dell’insetto. Gli interventi vanno effettuati da fine giugno fino alla raccolta. Essendo biologici non ci sono tempi di carenza da rispettare.Infine consigliamo sempre in questo periodo l’utilizzo del boro. Per mettere al sicuro la produttività dell'oliveto occorre partire con il piede giusto. Il boro è un microelemento che riveste un ruolo di primo piano nella fioritura e nell'allegagione dell'olivo. Per questo una sua carenza si ripercuote con effetti negativi sulla produttività dell'impianto. In altre parole la fioritura non si esprime in tutto il suo potenziale se il boro è scarso e dunque, a fine anno, si producono meno drupe rispetto a quelle desiderate.



Guarda il video esplicativo: https://youtube.com/shorts/8o6csJxwbpw?feature=share



Tutti i prodotti consigliati sono disponibili presso il vivaio Verde Idea di Emiliano Neri. Siamo sempre disponibili a darvi consigli e suggerimenti per migliorare le vostre colture. Ci trovate ad Isernia in viale dei Pentri presso la GLS, ci potete contattare al numero telefonico 348.2524741 oppure visitate il sito www.verde-idea.com. Consulta la gallery fotografica al margine dell'articolo. 




Gallery dell'articolo





Articoli Correlati