Cronaca

Per Manuela Petescia finisce un incubo, la soddisfazione dell’Ordine dei Giornalisti e del Corecom per l’esito del processo

Pubblicato: 12-05-2024 - 592
Per Manuela Petescia finisce un incubo, la soddisfazione dell’Ordine dei Giornalisti e del Corecom per l’esito del processo Cronaca

Per Manuela Petescia finisce un incubo, la soddisfazione dell’Ordine dei Giornalisti e del Corecom per l’esito del processo

Pubblicato: 12-05-2024 - 592


L'Odg Molise e il Corecom esprimono soddisfazione per l'esito del processo che ha visto la condanna di Ciro Carnevale

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA ODG MOLISE E CORECOM MOLISE - PRESIDENTE VINCENZO CIMINO



Due anni di reclusione, pena sospesa, oltre al risarcimento dei danni in favore delle costituiti parti civili e pagamento delle spese processuali. Questa è la pena che il Tribunale penale di Isernia, Giudice Stefania Colesanti, ha inflitto a Ciro Carnevale, ritenendolo responsabile del reato di diffamazione a mezzo stampa e accesso abusivo ai sistemi informatici. Vittima degli attacchi del Carnevale (che non è un giornalista) è la nostra collega Manuela Petescia, direttrice di Telemolise, del telematico Il giornale del Molise, radio luna e Telemolise 2, difesa dall'Avv. Francesco La Cava, anch'egli giornalista, presidente della Camera Penale di Isernia e già membro del Cdt Molise, il quale agiva anche a tutela del nostro Ordine Professionale. Una condanna esemplare, a conclusione di una vicenda che risale alla fine del 2017, quando il Carnevale si è introdotto in un sistema informatico, creando profili falsi al solo scopo di spargere sui social network messaggi di odio e pesanti offese nei confronti della collega Petescia. Una serie di offese gratuite e pesanti comparvero con profili falsi ovunque, fino a quando la stessa direttrice non decise di smascherarlo individuandolo nella persona del venafrano Ciro Carnevale e depositando la documentazione alla polizia postale di Campobasso.



Contestualmente anche il quotidiano regionale Primonumero denunciò l'intrusione nel sistema informatico e l'alterazione di una intervista all’allora governatore, con l'inserimento di espressioni diffamatorie nei confronti della direttrice. Anche in questo caso l'autore fu individuato nel Ciro Carnevale che, attraverso un suo blog, ne rivendicò la paternità. Le consequenziali indagini della Procura distrettuale di Campobasso, prima, e l'istruttoria dibattimentale del Tribunale di Isernia, dopo, ne hanno portato alla condanna ad una pena certamente esemplare, ponendo fine alla sua campagna diffamatoria e denigratoria come ha sottolineato il collega La Cava.



Speriamo che la sentenza sia anche di monito a tutti coloro che ritengono, nascondendosi dietro l'anonimato o falsi profili, di essere autorizzati a poter denigrare e diffamare chiunque non li aggradi. L’Ordine dei Giornalisti del Molise nell’apprendere la notizia, si congratula con l’avvocato e collega Franco La Cava che è sempre in prima linea anche con i corsi formativi, i quali si arricchiranno nella deontologia, di quest’altra vicenda processuale. Gli auguri anche alla collega Manuela Petescia, con la speranza che cessi per lei, ma anche per altri colleghi, un tormento mediatico che ne ha condizionato l’esistenza e la serenità. E non è la prima volta che la direttrice è costretta ad adire le vie legali a causa di aggressioni per lei e la sua famiglia, del tutto ingiustificate e inappropriate, densi di livore e volgarità. Una vittoria anche per l’Ordine regionale, investito spesso da situazioni simili, che sono da sprono a leoni da tastiera e veri e propri “delinquenti a rete libera”, che prendono di mira giornalisti colpevoli solo di esercitare un ruolo delicato nella società. Una vittoria anche per il Corecom Molise, alle prese con la lotta all’odio in rete, hate speech, per il quale pone molta cura e attenzione nell’esercizio delle funzioni attribuite dall’Agcom.



 



Prof. Vincenzo Cimino



Presidente Odg e Corecom Molise


Gallery dell'articolo





Articoli Correlati


cookie