CARPINONE. Personale della Squadra Mobile della Questura di Isernia, nella mattinata di lunedì  28 marzo u.s., a seguito di una telefonata pervenuta sulla linea di emergenza 113 con la quale veniva segnalata la presenza sospetta di due giovani, ha sventato un furto all’interno di un capannone dove erano depositi alcuni macchinari industriali situato presso il Nucleo Industriale di Carpinone. All’arrivo immediato della pattuglia della Squadra Mobile, impiegata proprio in servizi predisposti nel piano di prevenzione per il contrasto dei reati contro il patrimonio, i due giovani, vistisi scoperti, si sono dati a precipitosa fuga abbandonando il loro “obiettivo” senza asportare alcunché. Grazie però alla tempestività dell’intervento, gli operatori, raccolti tutti gli elementi e  le testimonianze utili, si sono subito concentrati nella ricerca dei due fuggitivi che, in brevissimo tempo, dopo sono stati rintracciati e trovati in possesso di attrezzi idonei allo scasso. I due, C.J.A. di anni 35 e D.G.D. di anni 20, entrambi domiciliati di fatto in Carpinone e senza pregiudizi di Polizia a carico, condotti in Questura sono stati identificati e riconosciuti dai testimoni.

Al termine delle formalità di rito gli stessi sono stati deferiti in stato di libertà alla competente A.G. per tentato furto e possesso di arnesi atti allo scasso, mentre gli arnesi da scasso sono stati debitamente sequestrati.