I cittadini del posto ed il loro portavoce Emilio Izzo si ritroveranno alle ore 11 in concomitanza con il raduno equestre.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA EMILIO IZZO – COMITATO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI LACUSTRI.

 CASTEL SAN VINCENZO. Come ampiamente anticipato durante la conferenza stampa di lunedì 22, indetta a causa della sciocca decisione presa dal comune di Castel San Vincenzo di realizzare un’isola ecologica, cioè una discarica, accanto al lago, al fine di valorizzare l’intera area (!), continueremo a protestare e ad organizzare iniziative tese all’annullamento del progetto o alla sua rivisitazione. Infatti, la prossima protesta è prevista per il 3 giugno alle ore 11.00 proprio sulle rive del lago in prossimità del campeggio. L’occasione ci viene offerta dalla annunciata manifestazione equestre intitolata a Sante Scarselli e Nicola Pacitti, che porterà in quei luoghi centinaia di appassionati di cavalli e natura e ai quali ci rivolgeremo per ottenere un loro aiuto per veicolare e sensibilizzare i turisti sull’imminente  realizzazione della discarica, che certamente non rappresenta un buon biglietto da visita per i tanti amanti del paesaggio montano e di tutte la salutari attività che offre la possibilità di svolgere.

Intanto continuano incessanti gli incontri degli aderenti il Comitato, durante i quali si è deciso di attivare una serie di contatti, utili per la lotta contro osceno progetto e per scongiurarne la realizzazione in quel posto. Certamente il primo passo è stato quello di interessare i rappresentanti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo in regione e, più specificatamente, il neo Segretario Generale, nonché Direttore del Polo Museale del Molise, prof. Leandro Ventura, che cordialmente ha ascoltato le nostre rivendicazioni ed ha assicurato un suo sopralluogo per conoscere la realtà dei luoghi e per contattare i sindaci interessati dai progetti delle isole ecologiche, Castel San Vincenzo, Scapoli e Cerro al Volturno e per conoscere le contrapposte ragioni. Siamo fiduciosi sull’esito di tali passi amministrativi, sempre e comunque in considerazione del fatto che l’area dell’Alta Valle del Volturno meriti ben altre valorizzazioni che quelle connesse a discariche selvagge!

Rivolgiamo un appello a tutti affinché aderiscano al sit in, facciamone un momento di lotta ma anche di festa, portate le vostre famiglie e coloriamo di vita la giornata!