“Lavorare per il territorio”. E’ il tratto caratterizzante dell’impegno politico e amministrativo del neo presidente della Provincia di Isernia l’avv. Alfredo Ricci che sin dal suo insediamento ha preso a cuore le problematiche che investono le scuole presenti sul territorio.

E’ l’Ente Provincia, infatti, che gestisce i locali delle scuole superiori con proprie risorse.  Alle Province infatti sono assegnate le funzioni di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici, messa in sicurezza degli edifici, messa a norma degli impianti, costruzione di nuove scuole. La Provincia di Isernia negli ultimi anni ha assunto un ruolo determinante nel garantire uno sviluppo qualitativo degli edifici, modernizzando il patrimonio scolastico. Nel solco di quanto fatto finora il neo presidente della Provincia di Isernia l’avv. Alfredo Ricci, a soli due giorni dal suo insediamento, ha avviato il primo giro di visite istituzionali iniziando dalle scuole di Agnone, dove ha incontrato la dirigente scolastica, per verificare personalmente le criticità e le problematiche che riguardano le scuole di competenza della Provincia e cercare le soluzioni  per risolverle nel più breve tempo possibile. Ai raggi X i problemi dell’Istituto Omnicomprensivo D’Agnillo e la vicenda dello spostamento delle cucine dell’Istituto Alberghiero di Agnone.

“Nel corso del mio mandato amministrativo – ha esordito il presidente Ricci – ho intenzione di dare un’attenzione particolare alle scuole. Ritengo che il diritto dei ragazzi di studiare in ambienti sicuri e fruibili costituisca uno dei principali doveri della Provincia. In questo senso, ho deciso di avviare un giro di visite istituzionali nelle scuole superiori della nostra Provincia. Infatti, non voglio sentirmi raccontare, ma voglio toccare con mano in prima persona le esigenze e le difficoltà delle scuole. Questa mattina ho inteso iniziare dall’Istituto Omnicomprensivo “D’Agnillo” di Agnone, accompagnato dai Consiglieri Provinciali della città, Linda Marcovecchio e Daniele Saia. Si tratta di una scelta non casuale, in quanto l’Alto Molise dovrà costituire uno dei territori qualificanti dell’azione amministrativa del mio mandato da Presidente della Provincia. Con la Dirigente Scolastica Camperchioli abbiamo passato in rassegna le problematiche che riguardano i plessi di competenza provinciale. Tra l’altro, abbiamo analizzato la vicenda dello spostamento delle cucine dell’Istituto Alberghiero, che fin dal primo giorno del mio insediamento  ho inteso approfondire con la struttura della Provincia e con la Regione.

Alla riunione operativa è seguito un sopralluogo presso i locali in cui le cucine dovranno trovare sistemazione, presso cui era stato organizzato anche un sit-in per sensibilizzare sull’argomento. Ho informato la Dirigente Scolastica e i presenti che a giorni sarà firmata la formale concessione del finanziamento di 165.000 € da parte della Regione, che consentirà di procedere in tempi rapidi all’affidamento dei lavori e, quindi, al definitivo spostamento delle cucine. Si tratta di un obiettivo amministrativo qualificante, che ho intenzione di seguire in prima persona in ogni passaggio, in modo da consentire agli alunni dell’Alberghiero di potere usufruire di tutti gli ausili didattici essenziali per la loro formazione scolastica.

In questo senso, da una ricognizione degli atti intervenuti nei mesi scorsi, devo dare atto del lavoro svolto sia dai Presidenti Coia e Di Pasquale sia direttamente dai Consiglieri Marcovecchio e Saia, che hanno monitorato e seguito i diversi passaggi amministrativi e tecnici per arrivare a questo risultato a portata di mano. Voglio ricordare – ha aggiunto Ricci – che in mancanza della formale concessione da parte della Regione, la Provincia non poteva e non può procedere all’affidamento dei lavori, come sa chiunque conosca i più elementari principi in materia di contabilità pubblica. Per questo ringrazio il Presidente Toma, che in queste ore, anche quale titolare delle competenze in materia di programmazione e bilancio, si è impegnato per adottare gli ultimi atti necessari al completamento dell’iter amministrativo per la concessione del finanziamento”.

Il pensiero finale del neo presidente della Provincia Alfredo Ricci è rivolto agli studenti dell’istituto Alberghiero di Agnone: ”Voglio tranquillizzarli perché  ormai siamo in dirittura d’arrivo. Penso che, a partire dal giorno dopo le elezioni, il lavoro sereno, umile e determinato nell’interesse del territorio e, quindi, dei cittadini debba costituire il tratto caratterizzante dell’azione di qualunque amministratore della cosa pubblica. Non mi interessano polemiche e diatribe personali, che lasciano il tempo che trovano, anche perché nulla c’è di più eloquente di un risultato elettorale, tanto più se liberamente espresso. L’unica vera chiave di lettura del risultato elettorale di domenica scorsa è proprio questa: una scelta libera degli amministratori della nostra Provincia, che hanno voluto rivendicare il proprio ruolo di rappresentanti dei cittadini che liberamente, senza imposizioni dall’alto, decidono le sorti dei territori amministrati.

Ma la fase elettorale è chiusa. Adesso, lavorare per il territorio: questo caratterizza il mio impegno politico e amministrativo da sempre, questo sarà il tratto distintivo del mio impegno amministrativo in Provincia”.