Territorio

Giornata conclusiva del corso di formazione di fecondazione assistita animale presso la Provincia di Isernia

Pubblicato: 27-01-2023 - 517
Giornata conclusiva del corso di formazione di fecondazione assistita animale presso la Provincia di Isernia Territorio

Giornata conclusiva del corso di formazione di fecondazione assistita animale presso la Provincia di Isernia

Pubblicato: 27-01-2023 - 517


La nota della Provincia di Isernia

Si è tenuto, ieri mattina, presso la sala gialla della Provincia di Isernia, l'esame teorico del corso di formazione interregionale per la fecondazione strumentale delle specie bovina e bufalina organizzato dall'Associazione Regionale Allevatori Campania-Molise, in collaborazione con la UOFAA, la scuola nazionale dell'Unione Operatori di Fecondazione Artificiale Animali.



Il corso, voluto fortemente dal direttore dell'AACM Augusto Calvi, ha visto la partecipazione di quaranta tra giovani allevatori e tecnici di aziende agricole campane, molisane ed abruzzesi. “La formazione, durata ben tre mesi - spiega Massimo Neri tecnico dell'Associazione Allevatori - si è sviluppata su due livelli: lezioni teoriche svolte presso la sala gialla della Provincia di Isernia, che ringraziamo per la fattiva collaborazione; un tirocinio pratico che ha coinvolto diverse stalle. Oggi siamo giunti alla giornata conclusiva con l'esame teorico, dopo che ieri abbiamo svolto la prova pratica presso la Cirio, che ha fornito una quindicina di animali”. “Ci ha fatto piacere aver contribuito a questo corso di formazione, mettendo a disposizione i locali della Provincia - afferma il presidente Alfredo Ricci – perché, prima di tutto, abbiamo evitato ai nostri allevatori di doversi spostare per fare formazione e aggiornamento; inoltre, abbiamo dato la possibilità, alla nostra Associazione regionale, di ospitare altre realtà; infine, per quel che possibile, come Provincia, anche attraverso questa iniziativa, vogliamo dimostrare la nostra vicinanza ad un settore, quello della zootecnia, che, come tutte le attività agricole, rappresenta il cuore del nostro tessuto economico regionale. Il settore agricolo vive un momento di forte difficoltà a livello nazionale per l’aumento dei costi e per una serie di pastoie burocratiche che vengono imposte agli operatori del settore; crediamo, invece, che questo sia un settore nevralgico su cui è doveroso investire anche e soprattutto in termini di innovazione. Un ringraziamento, quindi, a tutte le associazioni degli agricoltori che, come l’Associazione Allevatori, si rendono promotori di iniziative che possano agevolare l’attività degli imprenditori agricoli”.





Articoli Correlati