Cronaca

Si finge amico del figlio: truffa ad un anziano nel centro di Venafro. La Polizia di Stato di Isernia denuncia 50enne.

Pubblicato: 03-06-2024 - 444
Si finge amico del figlio: truffa ad un anziano nel centro di Venafro. La Polizia di Stato di Isernia denuncia 50enne. Cronaca

Si finge amico del figlio: truffa ad un anziano nel centro di Venafro. La Polizia di Stato di Isernia denuncia 50enne.

Pubblicato: 03-06-2024 - 444


Una truffa attuata nei confronti di un anziano residente a Venafro

VENAFRO. Gli agenti della Sezione Operativa Sicurezza Cibernetica della Polizia di Stato di Isernia hanno denunciato un 50enne di origini campane, responsabile di truffa aggravata, commessa a Venafro, ai danni di un 76enne.



Un uomo, alla guida di un SUV di colore scuro, ha avvicinato l’anziano che camminava nei pressi del quadrivio di Venafro e seguendo una tecnica ormai collaudata, senza scendere dallautovettura, si rivolgeva alla vittima con tono confidenziale, salutandolo e chiedendogli se si ricordasse di lui, affermando di essere un amico del figlio. Durante il colloquio gli diceva che il figlio gli aveva ordinato delle cuffie e che aveva già versato un acconto di 150 euro, denaro che avrebbe perso se non avesse pagato la restante somma di euro 200.Il 76enne, che non aveva con sé il telefono, credendo alle sue parole gli consegnava 45 euro ovvero tutto il denaro che aveva al momento. Per saldare la restante somma, il 50enne lo convinceva ad inserire, la sua carta di credito in un POS portatile che aveva in auto.



Gli faceva effettuare la medesima procedura per ben due volte, adducendo la scusa che la prima transazione non era andata a buon fine. Solo quando è rientrato a casa, lanziano ha contattato il figlio realizzando quindi di essere stato vittima di una truffa. Infatti, dal controllo della lista movimenti della sua carta, verificava la presenza di due pagamenti a debito, per complessivi 450 euro.Gli accertamenti di polizia giudiziaria effettuati a seguito della denuncia sporta dalla vittima, consentivano agli operatori della Polizia di Stato di individuare lautore della truffa.Infatti, nonostante il POS portatile fosse abbinato ad un iban estero, dallanalisi della documentazione contrattuale e della lista movimenti di tale iban, sono emersi elementi che hanno consentito di identificare il 50enne, autore anche di un’analoga truffa commessa in unaltra Regione a fine 2023, con modalità del tutto identiche, il cui provento era confluito sullo stesso Conto Corrente bancario.Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e lindagato potrà far valere le sue ragioni difensive innanzi allAutorità Giudiziaria ai sensi del Codice di Procedura Penale.





Articoli Correlati