Cronaca

Rapina al Dok di Isernia, il Tribunale pentro condanna i colpevoli. Il comunicato della Procura di Isernia.

Pubblicato: 28-01-2023 - 574
Rapina al Dok di Isernia, il Tribunale pentro condanna i colpevoli. Il comunicato della Procura di Isernia. Cronaca

Rapina al Dok di Isernia, il Tribunale pentro condanna i colpevoli. Il comunicato della Procura di Isernia.

Pubblicato: 28-01-2023 - 574


La nota della Procura di Isernia

All’esito del giudizio celebrato, il19/1/2023, nelle forme del rito abbreviato, il GUP presso il Tribunale di Isernia ha riconosciuto colpevoli del reato di rapina aggravata i tre soggetti identificati, all’esito delle indagini svolte da Questa Procura della Repubblica, quali autori della rapina avvenuta presso il Supermercato DOK di Isernia – San Lazzaro in data 10.06.2022. Si rammenta come in tale data personale della Questura di Isernia UPGSP- Reparto Volanti, trasse in arresto in flagranza i due giovani autori materiali del reato, A.G. e D.O.L., originari della Provincia di Napoli, i quali dopo aver minacciato il Direttore dell’esercizio commerciale con un arma, poi rivelatasi una mera replica giocattolo, e svaligiato alcune casseforti presenti nell’esercizio commerciale, si erano dati alla fuga rifugiandosi all’ultimo piano di un edificio residenziale attiguo, dove venivano sorpresi con l’arma e la refurtiva ancora con se.



Successivamente, grazie alle indagini della Squadra Mobile di Isernia, coordinate dalla Procura della Repubblica di Isernia, ed alle dichiarazioni degli stessi arrestati, veniva individuato l’organizzatore della rapina, C.V.,  un uomo da anni residente ad Isernia ma avente le medesime origini campane dei due soggetti già tratti in arresto il 10.06.2022, gravato da molteplici precedenti penali per reati di analoga indole nonché per associazione di stampo mafioso: nei confronti  del medesimo veniva quindi richiesta dalla Procura della Repubblica ed ottenuta la misura cautelare della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Isernia, poi attenuata negli Arresti Domiciliati nel mese di dicembre in seguito alla collaborazione del soggetto ed alle dichiarazioni confessorie da questi rese nel corso dell’udienza. All’esito del giudizio, quindi, i tre soggetti sono stati condannati rispettivamente alle pene di anni 4 e mesi 8 di reclusione, anni 3 mesi 2 di reclusione e, in relazione all’organizzatore del reato, di anni 6 mesi e due di reclusione. In attesa delle motivazioni della sentenza e dell’esito di eventuale ulteriori gradi di giudizio che consentirebbero agli imputati di rappresentare le proprie ragioni difensive, si sottolinea che l’Amministrazione della Giustizia ha dato una risposta veloce ed efficace alla richiesta di giustizia delle persone offese e all’opinione pubblica fortemente scossa da un episodio delittuoso che, per gravità e modalità del fatto, non è frequente nella Provincia di Isernia.



Isernia, 28.01.2023



Il Procuratore della Repubblica Carlo Fucci





Articoli Correlati